NewVisibility Blog

Facebook ha acquisito Oculus VR

Facebook ha acquisito Oculus VR ( startup americana al lavoro su un visore per la realtà virtuale) per due miliardi di dollari.
Durante l’annuncio Zuckerberg dichiara:
“Il mobile è la piattaforma di oggi, e adesso ci stiamo attrezzando per le piattaforme di domani.
Dopo i giochi, renderemo Oculus una piattaforma per molti altri tipi di esperienze“.

Facebook, prevede di estendere il visore non soltanto al mondo del gaming, ma anche a nuovi mercati, tra cui l’intrattenimento, la comunicazione, l’educazione…

oculus

Quali immagini utilizzare per i nostri Blog/siti?

Le immagini che troviamo in internet sono facilmente copiabili per essere usate nei nostri blog o siti internet ma molto spessso non si hanno i diritti per farlo.
Molto utili sono siti che permettono di filtrare le immagini a seconda della licenza d’uso, ve ne segnalo una lista in modo che possiate trovare le immagini utili al vostro blog o sito:creative
  • Stock.xchng grande collezione di fotografie scattate da professionisti di ottima qualità
  • Creative Commons Search un motore per cercare immagini con licenza Creative Commons, le immagini quindi richiedono il link di attribuzione dell’autore
  • Photo Pin aiuta i blogger a trovare immagini per i loro articoli. Le immagini vengono cercate su Flickr. La maggior parte delle foto trovate con Photo Pin richiedono il link di attribuzione

Continua a leggere

Facebook compra WhatsApp

Facebook Ha annunciato di aver comprato WhatsApp (sistema di messaggeria più famoso al mondo) per 19 miliardi di dollari: il saldo avverrà in parte in contanti e in parte in azioni , oltre a 3 miliardi in azioni per i dipendenti e i fondatori di WhatsApp.

“WhatsApp è sulla strada per arrivare a connettere un miliardo di persone – ha detto Zuckerberg

facebook e whatsapp 2014

Come utilizzare le immagini prese da Google Immagini?

Molte volte ricerchiamo immagini su Google Immagini pensando di poterle utilizzare a nostro piacimento, ma purtroppo non è così!

Quando si fa una ricerca su Google Immagini con una qualsiasi parola chiave non è assolutamente detto che quelle visibili nei risultati siano liberamente ripubblicabili anzi il più delle volte non è così. Gli autori delle foto possono scegliere di renderle di pubblico dominio oppure di vietarne la ripubblicazione. Ci sono vari tipi di licenze Creative Commons (utilizzo ma con link della pagina dove sono state prese) e viene vietato il riutilizzo a fini commerciali per esempio non possono essere postate in pagine che abbiano dei banner pubblicitari o dove siano presenti link di affiliazione.

ricerca avanzata Google

Vediamo come poter filtrare le ricerche di Google immagini a seconda delle licenze:

Ricerca avanzata che si trova nel menù verticale che si apre cliccando sulla icona della ruota dentata
Nella prima parte della pagina della ricerca avanzata possiamo raffinare la ricerca inserendo altri dati quali le dimensioni, le proporzioni, i colori della immagine, il tipo di immagine (volti, foto, clipart, ecc), l’area geografica, il sito o dominio e il formato del file (JPG, PNG, GIF, BMP, ICO, ecc). Continua a leggere

Quanti Italiani comprerenno i regali Online?

Dove compreranno gli Italiani i regali di Natale?
Semplice su internet!

Saranno circa 7.000.000 gli italiani che quest’anno compreranno i regali di Natale online.iStock_000018158707XSmall

Roberto Liscia (Presidente di Netcomm) ha utilizzato questa frase per presentare i risultati della ricerca di mercato riguardo le vendite Natalizie online:

“Il 2013 è stato un anno ricco di sorprese positive anche per l’ecommerce italiano”

Crescita degli eshopper

Anche per il periodo natalizio l’e-commerce in Italia segna numeri in crescita, in controtendenza rispetto alle performance di vendita dei retails tradizionali. Lo studio di Netcomm (Consorzio del Commercio Elettronico Italiano) ha rilevato, infatti, che saranno oltre 7 milioni di italiani che utilizzeranno il canale web per la scelta e l’acquisto dei doni natalizi. Rispetto allo scorso Natale, sono 1.800.000 in più, con un una spesa totale che si dovrebbe aggirare intorno ai 2 miliardi di euro.

Vuoi anche tu aprire il tuo negozio online? Contattaci!

L’autonomia delle nostre batterie

L’autonomia e i relativi tempi di ricarica dei dispositivi portatili in uso, dagli smartphone batteryai tablet, senza ombra di dubbio costituiscono uno fra tanti problemi che ci assilla quotidianamente. E sì perché nonostante la qualità delle batterie sia molto aumentata durante gli anni, il ricorso alle prese di corrente per “rianimare” gli inseparabili telefonini, e non solo, costella le nostre giornate, con tutti i fastidi del caso. A tal proposito interviene una innovazione messa a punto dall’università di Washington denominata Ambient Backscatter (radiazione di ritorno ambientale) che potrebbe rappresentare la soluzione definitiva in termini di durata delle apparecchiature tecnologiche. Proprio così, infatti sfruttando le onde elettromagnetiche già presenti nell’ambiente circostante, generate ad esempio da sistemi wi-fi, apparecchi radio televisivi e molto altro ancora, si potrebbe arrivare a produrre dispositivi che non necessitano di batterie e quindi con un ciclo vitale praticamente illimitato.

Impariamo a sfruttare al meglio i motori di ricerca

Un motore di ricerca non è altro che lo strumento che tutti utilizziamo per esplorare il web in modo veloce e preciso. Infatti, i motori di ricerca ci aiutano ad individuare i risultati delle nostre ricerche: più sarà precisa la descrizione e più sarà definito il risultato. Nel mondo “reale” sarebbe tutto molto più complicato e certamente minore la possibilità di trovare risposta alle nostre richieste!
Sono disponibili diversi motori di ricerca, con funzionalità, grafiche e peculiarità specifiche (Google, Yahoo…).motori di ricerca newvisibility

Velocitá
Una delle caratteristiche principali di un buon motore di ricerca è la velocità, anche se questo parametro è molto difficile da ottimizzare, proviamo a capirne il perché: quando un utente utilizza un motore di ricerca
non sta cercando realmente in tutta la rete, ma in un cosiddetto indice che il motore ha al suo interno.
La creazione dell’indice avviene attraverso il crawling o indicizzazione, per cui un apposito software (Spider) naviga all’interno della rete, passando da link a link, per copiare ed analizzare ogni pagina che trova
all’interno dei server per conto di un motore di ricerca.
Questo meccanismo necessita di una capacità hardware eccezionalmente capiente per immagazzinare l’intero web.

Aggiornabilitá
Un’altra peculiarità fondamentale per un motore di ricerca è l’aggiornabilità dei file memorizzati.
Negli ultimi anni molti motori di ricerca si sono sfidati nell’incrementare il più possibile la velocità del processo di indicizzazione.
Lo scopo è raggiungere le nuove pagine, o i nuovi contenuti appena caricati sulla rete, in tempo reale.
La caratteristica più importante per un motore di ricerca rimane comunque il risultato, infatti quando l’utente effettua una ricerca, il motore estrae tutte le pagine che contengono le parole indicate dall’utente.
Il problema maggiore, ma anche la fortuna dei motori di ricerca, è l’ordine in cui i risultati trovati vengono presentati agli utenti.
Questo ordine dipende da parametri differenti e sempre in evoluzione. I principali parametri che vengono
utilizzati riguardano:
• il nome del dominio (URL) che presenta le parole cercate;
• la frequenza delle parole cercate dall’utente all’interno della pagina;
• la presenza delle parole nei metatag (comandi che vengono inseriti all’interno delle pagine di un sito per fornire maggiori informazioni riguardanti il contenuto delle pagine stesse), nel titolo o nella descrizione della pagina;
• la modalità con la quale è stato creato il codice della pagina;
• il link in entrata e in uscita dalla pagina: non molti link, ma link di qualità, quindi associati a pagine che abbiano parametri corretti.

Questa sintetica descrizione dei motori di ricerca vuol fornire un contributo per comprendere meglio come presentare agli “spider” le informazioni che gli utenti cercano, per permettere ai motori di ricerca di determinare il valore del vostro sito internet.
Quindi, per rendere il vostro sito più visibile, bisogna innanzitutto scegliere parole chiave “intelligenti”, scrivere un codice sorgente ineccepibile ed inserire con una certa frequenza contenuti rilevanti che si presentino in modo chiaro sia all’utente che ai motori di ricerca.
Superfluo sottolineare quanto la qualità e la professionalità di che vi assiste in questo processo sia determinante per dare visibilità e conseguente successo al vostro sito web!

La nuova frontiera della messaggistica

Che i messaggi di testo abbiano raggiunto un livello di diffusione incredibile ce lo ricordano i dati che WhatsApp macina mese dopo mese e che rimandano a cifre da capogiro. Attraverso il servizio di messaggistica vengono scambiate oltre 400 milioni di fotografie al giorno, per non parlare dei messaggi, inoltrati con rapidità impressionante grazie all’immediatezza della chat, un modo istantaneo di comunicare che sta prendendo sempre più piede non solo tra giovani e adolescenti. Ora la frontiera da abbattere sta nel consentire di scrivere i messaggi attraverso dettatura vocale, al fine di permettere l’utilizzo del servizio senza dover digitare a mano e quindi in contemporanea fare dell’altro. Tra i sistemi più affidabili va citata la App Dragon Dictation, tecnologia hands-free semplice ed efficace che contribuirà a rivoluzionare il mondo della messaggistica, grazie ad un sistema di dettatura vocale estremamente affidabile.

Google – Smart Cities

Anche Google ha intenzione di partecipare in modo concreto all’espansione globale delle smart cities. A partire dalla mobilità intelligente, con sistemi capaci di valutare a 360° le variabili connesse al traffico, uno fra i problemi più annosi che condiziona la qualità di vita delle nostre città, elaborando soluzioni, suggerimenti e mappe in tempo reale. Google sarà ovviamente interessato a mettere in campo tutta una serie di applicazioni e funzioni legate a: eventi, locali, scuole, amministrazioni pubbliche, servizi, ecc.. (la lista sarebbe lunghissima). Insomma, l’obiettivo delle città intelligenti del futuro sarà quello di accompagnare e sostenere i cittadini nella vita di tutti i giorni contribuendo a migliorarla e semplificarla.